SITO ACCESSIBILE:
sds-3201.jpg

Presentazione e Manifesto degli Studi

L’Istituto Musicale Pareggiato della Valle d’Aosta - Conservatoire de la Vallée d’Aoste è, come è noto, l’unica istituzione della Regione destinata allo studio professionale della musica ed autorizzata al rilascio di titoli di studio legalmente riconosciuti. Nasce – all’interno della Fondazione Istituto Musicale della Valle d’Aosta – a seguito del primo decreto di pareggiamento dell’Assessore Regionale per l’Istruzione e Cultura del 24 giugno 1999, che giunge a coronamento di una trentennale esperienza dapprima come “Corsi regionali di musica” e poi come “Istituto Musicale Regionale”. La condizione giuridica del “pareggiamento” equipara il curriculum didattico degli allievi a quello dei Conservatori di Stato. La sua finalità primaria è dunque la formazione di strumentisti, cantanti, compositori, insegnanti di musica.


Il 28 marzo 2008, con delibera della Giunta Regionale n. 854 ed ai sensi del Decreto Legislativo 24 luglio 2007 n. 136 “Norme di attuazione dello Statuto Speciale della Valle d’Aosta concernenti il conferimento di funzioni in materia di istituzioni di alta formazione artistica e musicale”, viene approvato lo Statuto di autonomia dell’Istituto Musicale Pareggiato che vede così la sua trasformazione in “Istituto Superiore di Studi Musicali della Valle d’Aosta” (ISSM-VDA), trasformazione disciplinata e condotta al suo finale compimento attraverso la promulgazione della Legge Regionale n. 22 del 18 Luglio 2012 “Interventi regionali in materia di promozione e sviluppo della formazione musicale in Valle d’Aosta e di valorizzazione e divulgazione del patrimonio musicale tradizionale. Modificazioni alla legge regionale 17 marzo 1992, n. 8”. L’Istituto Musicale Pareggiato della Valle d’Aosta, oggi “Conservatoire de la Vallée d’Aoste”, appartiene dunque formalmente al sistema dell’Alta Formazione Artistica e Musicale (A.F.A.M.), uno degli ambiti in cui si articola l’ordine superiore degli studi che si apre dopo il ciclo secondario (l’ordine superiore degli studi, o anche ciclo terziario, ha infatti due protagonisti principali: l’istruzione universitaria, con Università, Politecnici e Istituti Universitari; l’Alta Formazione Artistica e Musicale, con Conservatori e Accademie). In quanto “Istituto Superiore di Studi Musicali della Valle d’Aosta” è, come recita il suo statuto, “sede primaria di alta formazione, di specializzazione e di ricerca nel settore musicale e svolge correlata attività di produzione in base alla disciplina vigente in materia. L’Istituto è sottoposto ai poteri di programmazione, indirizzo e coordinamento del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che li esercita avuto riguardo alle prerogative in materia della Regione Valle d’Aosta, in particolare a quelle indicate nelle ‘Norme di attuazione dello Statuto Speciale della Valle d’Aosta’”. Un traguardo importante, questo, che allinea l’Istituto Musicale Pareggiato della Valle d’Aosta al processo di riforma che ha irreversibilmente investito tutti i Conservatori ed Istituti Musicali Pareggiati italiani decretato dalla Legge 508 del 21 dicembre 1999. Tali istituzioni, insieme anche alle Accademie di Belle Arti, all’Accademia Nazionale di Arte Drammatica, e agli Istituti Superiori per le Industrie Artistiche, costituiscono appunto il sistema dell’Alta Formazione e Specializzazione Artistica e Musicale italiana e, in quanto istituzioni di Alta Cultura, l’art. 33 della Costituzione riconosce loro il diritto di darsi ordinamenti autonomi.


Diversamente però dal resto del sistema universitario nazionale, l’Istituto – così come tutte le istituzioni AFAM italiane – mantiene una prerogativa del tutto unica nel suo ambito: quella di curare l’istruzione musicale degli allievi a partire dalla base. È infatti sempre il Conservatorio che istituisce, nell’ambito della formazione di base, i cosiddetti “Corsi Pre-accademici”, strutturandoli in modo da consentirne la frequenza agli alunni iscritti alla Scuola Secondaria di I e di II grado. Ed è ancora il Conservatorio, secondo quanto previsto da apposite convenzioni, a garantire la qualità del curriculum verticale ed il monitoraggio del percorso formativo nel nuovo Liceo Musicale. Anche su questo fronte il nostro Istituto, in ottemperanza al perseguimento del crono-programma di applicazione – a cura del Ministero in sinergia con la Conferenza dei Direttori dei Conservatori e sentito il parere del CNAM – di tutti i passaggi previsti dal DPR 212/05, ha attuato la riformulazione dei curriculum dei corsi del Vecchio Ordinamento nei nuovi programmi dei Corsi Pre-accademici, corsi che, con l’entrata in vigore dei nuovi Ordinamenti Didattici, sono andati a coprire tutte le fasce d’utenza che precedono quella dell’Alta Formazione.


Dopo tale nuovo riassetto istituzionale che, dagli anni dell’avvio della Riforma dei Conservatori ex lege 508/99, è arrivato ora ad investire anche la nostra realtà, l’Istituto Musicale Pareggiato della Valle d’Aosta mira così, oggi ad ancor maggiore ragione e misura, a perseguire l’eccellenza nei diversi campi di studio e formativi cercando nel contempo di soddisfare le esigenze di tutte quelle fasce di utenza che storicamente gli appartengono, garantendo la libera attività di docenza e di ricerca che promuoverà fornendo i necessari strumenti materiali ed attivando gli opportuni incentivi. Nello stesso tempo, non dimenticando i privilegi istituzionali da cui è nato ed in cui si colloca, continua a contribuire, con spirito di apertura alla dimensione europea ed internazionale, allo sviluppo complessivo della realtà locale, occasione straordinaria di incontro delle grandi tradizioni musicali dell’area italiana e francese.